IL G.I.V.P.C. di PAULLO-TRIBIANO VI INVITA AL PRANZO DI NATALE 2015

LOCANDINA-2015

15-12-2012-Pranzo-Anziani-1.png

Annunci

NEWS 24-11-2015- nuovo Coordinatore e Consiglio

A breve nuovo aggiornamento news e attività

Convegno – Ogni cittadino è protezione civile

Ogni cittadino è protezione civile

Cascina Caluzzano – Video dell’intervento

Video riassunto dell’intervento di supporto ai VVFF durante incendio della Cascina Caluzzano a Mediglia.

Cascina Caluzzano – Foto e Video dell’intervento

18-08-2012 Incendio Cascina Mediglia Panorama

Nella sezione dedicata ai volontari, sono disponibili le foto dell’intervento alla Cascina Caluzzano.

Le foto sono state fatte durante l’azione di supporto ai VVFF con idrovora in dotazione e tutto impianto d’illuminazione dotato di Gruppo Elettrogeno e Torri Faro che hanno permesso di operare ininterrottamente  da giovedì 16 fino a domenica notte senza sosta.

Anche se il periodo era festivo, tutti i turni sono stati coperti da 3 volontari del Gruppo Intercomunale Volontari di Protezione Civile Paullo – Tribiano che a rotazione hanno supervisionato il funzionamento dell’idrovora per alimentare le 2 autobotti dei VVFF e il gruppo elettrogeno utilizzato dai mezzi operativi e dalle attrezzature.

Il Cittadino – Rogo di Caluzzano, ancora interventi: presto la bonifica

Sono in corso le operazioni di smassamento dopo il gigantesco incendio a Cascina Caluzzano, ritardati per l’assenza di mezzi idonei a svuotare i fienili. Mille balle di fieno stipate nei barchessali che per quattro giorni hanno bruciato e che ora sono un cumulo di cenere, nella struttura andata distrutta sul lato Nord della Cerca. Presto l’area verrà bonificata, ma resta la puzza che ammorba ancora l’aria tra Bustighera e Tribiano. «Mi è sembrato di tornare indietro nel tempo, quando a Bustighera è bruciato il tritovagliatore – accusa Silvano Paterlini, tribianese rappresentante di Cittadinanza attiva -: l’aria per giorni è stata irrespirabile». E probabilmente sarà una situazione che persisterà anche per i prossimi giorni, fino a quando non sarà ultimato lo svuotamento del cascinale. La popolazione comunque è stata tranquillizzata, perché al di là della puzza, che dà fastidio a gola, naso e occhi, non sarebbero state segnalate emergenze sanitarie. Si attendono comunque i risultati della relazione dell’Arpa, che è intervenuta a Caluzzano per la presenza di amianto, derivante dai tetti dei fienili. Non sono stati riscontrati rischi per l’ambiente, ma dovrà essere prevista una procedura speciale per lo smaltimento dell’eternit. Impegnati sul posto i vigili del fuoco, che fino a domenica sera sono stati coadiuvati dai volontari della Protezione civile nell’ambito del Com20. Sul posto anche la polizia locale di Mediglia e i carabinieri della tenenza di San Giuliano. Gli uomini della Protezione civile sono intervenuti autonomamente da San Giuliano, Melegnano, Paullo e Peschiera e hanno dato un importante supporto alle attività dei vigili del fuoco. Hanno portato idrovore e illuminato l’area con la torre faro per consentire il lavoro notturno.

Fonte: Il Cittadino – 22/08/2012

Il Cittadino – Dopo il rogo in cascina il rischio amianto

Mediglia – L’intervento dei vigili del fuoco proseguirà tutto il week end, mentre il municipio emette un’ordinanza di bonifica

image

Maxi-incendio in cascina a Mediglia, adesso fra le ceneri spunta il rischio eternit. Intanto, amministrazione comunale e Arpa in campo per rimuovere il pericoloso materiale. Quella di ieri è stata in effetti un’altra giornata di super lavoro per i vigili del fuoco impegnati a cascina Caluzzano, dove giovedì pomeriggio era scoppiato un gigantesco rogo. L’incendio era divampato in un fienile all’interno del quale erano stipate centinaia di rotoballe di fieno facilmente infiammabili. Ecco perché il rogo si era propagato con inaudita violenza, con il fumo ben visibile a diversi chilometri di distanza. A Mediglia si sono precipitate una decina di squadre di pompieri in arrivo dall’intero territorio, che hanno lavorato per l’intera nottata. Con loro c’erano anche i volontari della Protezione civile provinciale guidati da Enrico Lazzerini, che hanno coordinato le varie operazioni. L’intervento è poi proseguito nella giornata di ieri quando, dopo aver spento le fiamme, i vigili del fuoco hanno monitorato costantemente la situazione. Sta di fatto che i danni causati dal rogo sono davvero pesanti. Il fienile all’interno del quale è scoppiato, che era grande oltre 1500 metri quadrati, è andato completamente distrutto. Ma anche il capannone adiacente, che pure ha retto alla violenza dell’incendio, ha subito notevoli danni. Ieri mattina a Caluzzano, frazione di Mediglia a ridosso della provinciale Cerca, sono arrivati anche i tecnici comunali e quelli dell’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale), che hanno dovuto affrontare un nuovo problema.All’interno del capannone andato parzialmente distrutto, infatti, era presente dell’eternit, parte del quale è crollato a terra. Di qui la necessità di asportare quanto prima il pericoloso materiale, che dovrà poi essere posizionato in un luogo adatto. Senza contare le centinaia di balle di fieno andate bruciate, che andranno anch’esse rimosse. Dopo il totale spegnimento del rogo, insomma, si apre la seconda fase dell’intervento, che prevede la completa bonifica dell’area. E così dopo il vertice della tarda mattinata di ieri, a cui hanno preso parte anche i responsabili dei vigili del fuoco e della Protezione civile, il Comune di Mediglia ha emesso un’ordinanza che obbliga il proprietario a rimuovere quanto prima il materiale pericoloso. Sempre ieri, intanto, gli agenti della polizia locale hanno compiuto una serie di sopralluoghi a Caluzzano.L’attività dei pompieri, invece, andrà avanti per l’intero fine settimana. L’obiettivo è quello di tenere la situazione sotto controllo per evitare che le fiamme possano nuovamente divampare. Tanto più in questi giorni, quando sono previste temperature record. Quanto alle cause del rogo, infine, i vigili del fuoco e le forze dell’ordine stanno continuando gli accertamenti.

Autore = Stefano Cornalba
Fonte = Il Cittadino – 18 Agosto 2012